Materasso, Quando Cambiarlo, Quali Tipi

Materasso: quando e’ ora di cambiarlo

Il materasso e’ un oggetto importante, infatti su di esso trascorriamo un terzo della nostra vita. E’ quindi importante che sia di buona qualita’, termine che puo’ assumere vari significati a seconda dei casi, delle nostre abitudini, delle nostre esigenze, di fattori soggettivi e di fattori oggettivi.
Non tutti sanno che dormire e’ una importante attivita’ dalla quale dipende la qualita’ della nostra vita, la freschezza nell’intraprendere le normali attivita’ della giornata e la salute della nostra colonna vertebrale.
Ma come deve essere un buon materasso?
Ognuno ha i propri gusti e anche inn fatto di materassi ci puo’ essere che lo preferisce duro, alla maniera dei marines e chi lo vuole invece avvolgente. Poi ora ci sono quelli ‘ortopedici‘ oppure quelli con effetto memory, che mantengono ‘in memoria’ l’impronta del nostro corpo in modo da assicurare il massimo comfort.

materassi

Materasso e Mal di Schiena

Se si soffre di mal di schiena, male di cui e’ afflitta la maggior parte delle persone, e’ preferibile utilizzare un materasso medio-rigido che consente di non appesantire eccessivamente la colonna vertebrale e al tempo stesso permette i piccoli movimenti durante il sonno senza creare resistenza.

Un’altra esigenza puo’ essere quella della difesa contro le allergie. Ecco allora che ci sono i materiali anti-acaro, come il lattice o la schiuma di poliuretano, con cui vengono fabbricati i materassi ed i cuscini.
Importante nella scelta del materasso e’ controllare l’etichetta per verificare, per esempio, che la cosiddetta ‘anima’ abbia uno spessore di almeno 10 cm. Ed una densita’ non inferiore a 60-70 kg/mc per il lattice e 40-50 kg/mc.

materassi mal di schiena

Normalmente viene suggerito, sia dalle case produttrici che dai medici ortopedici, di cambiare il proprio materasso almeno ogni 5 anni (per un materasso di media qualita’).

Tipi di Materasso: Lana, Molle, Lattice e Memory

I materassi possono essere di vario tipo e la scelta e’ ovviamente una questione di gusti personali, ma vediamoli in rassegna:

Materasso di Lana: e’ l’erede naturale dei pagliericci che fino agli inizi del secolo scorso erano frequenti nelle case piu’ modeste. Oggi il materasso di lana e’ ancora prodotto in modo artigianale con lavorazione spesso manuale e pertanto puo’ essere anche prodotto su ordinazione. La caratteristica peculiare e’ la morbidezza ed il calore, ma anche la proprieta’ di assorbire l’umidita’ del corpo. Per contro si deforma facilmente e quindi non sostiene adeguatamente la colonna vertebrale. Andrebbe ‘cardato’ frequentemente per mantenerlo soffice, ma oltre che scomodo questo intervento e’ anche piuttosto costoso. Altro inconveniente che ultimamente ne ha determninato il declino e’ che non e’ consigliabile per chi soffre di allergia in quanto nelle sue fibre si possono facilmente annidare gli acari.

Materasso a Molle: anche questo tipo di materasso e’ un discendente degli antichi materassi delle classi piu’ abbienti. Le molle dei materassi moderni sono racchiuse in involucri che evitano il contatto delle stesse con il materiale di riempimento. E’ un tipo di materasso che consente una buona circolazione dell’aria garantendo nel contempo un buon sostegno anche per corporature robuste. L’unico svantaggio puo’ essere costituito dalla tenuta non sempre uniforme delle molle che determinano spesso un inarcamento causando posture scorrette.

tipi materasso

Materasso in Lattice: il materiale utilizzato e’ un derivato vegetale che viene miscelato con aria per produrre la schiuma di lattice naturale con cui vengono prodotti questi materassi che hanno la particolarita’ di riassumere la formna originale. Ha il grande pregio di essere poco vulnerabile alla colonizzazione di acari. Lo svantaggio puio’ essere invece rappresentato dalla poca traspirabilita’ che ne sconsiglia l’impiego in aree calde e con elevato grado di umidita’.

Materasso in Poliuretano: prodotto con questo materiale innovativo appositamente studiato per l’impiego aerospaziale, il poliuretano grazie alle sue caratteristiche puo’ essere utilizzato in vari strati di diverso spessore per conferire una differente resistenza alla pressione del corpo. Ottimo isolante il poliuretano consente comunque una buona traspirazione e risulta particolarmente leggero. Per contro puo’ dare la sensazione di favorire la sudorazione a causa dell’elevato grado di coibentazione. La schiuma di poliuretano ha la tendenza a riassumere molto lentamente lo spessore precedente e questa proprieta’ viene sfruttata nei materassi con effetto memory.

Articoli simili

Ricerca personalizzata

Nessun commento.
Aggiungi un commento: